Torna all'elenco

TELECAMERA PER LA RETROMARCIA

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Funzionamento

Quando è innestata la retromarcia, la telecamera 1 situata sul portellone o, a seconda del veicolo, sulla porta posteriore battente consente di visualizzare lo spazio dietro il veicolo sul retrovisore 2 o, a seconda del veicolo, sul display multimediale 3 accompagnato da una o due sagome mobili o fisse 45.

Nota: abbiate cura di verificare che la telecamera di retromarcia non sia coperta (sporcizia, fango, neve, condensa, ecc.).

Nota: a seconda del veicolo, potete regolare alcuni parametri dal display multimediale 3. Consultate le istruzioni dell’equipaggiamento.

Questa funzione è un aiuto supplementare. Quindi non vi esime in nessun caso dalla normale vigilanza e dalla responsabilità in caso d’incidente.

Il conducente deve essere sempre pronto ad affrontare situazioni improvvise che possono verificarsi nella circolazione stradale. Prima di iniziare la manovra, verificate in particolare la presenza di ostacoli mobili (come un bambino, un animale, una bicicletta, una pietra, un palo, ecc.) o di oggetti nell’angolo morto troppo piccoli per essere rilevati.

Sagoma mobile 4 (a seconda del veicolo)

È rappresentata in blu sul display multimediale 3. Indica la traiettoria del veicolo in funzione della posizione del volante.

Sagoma fissa 5

La sagoma fissa è composta da riferimenti colorati ABC che indicano la distanza dietro il veicolo:

- A (rosso) a circa 30 centimetri dal veicolo;

- B (giallo) a circa 70 centimetri dal veicolo;

- C (verde) a circa 150 centimetri dal veicolo.

Questa sagoma resta fissa e indica la traiettoria del veicolo se le ruote sono allineate.

Questo sistema è utilizzato inizialmente servendosi di una o più sagome (mobile per la traiettoria, fissa per la distanza). Quando la zona rossa viene raggiunta, aiutatevi con la rappresentazione del paraurti per fermarvi in modo preciso.

Lo schermo rappresenta un’immagine invertita.

Le sagome sono una rappresentazione proiettata su una superficie piana. Queste informazioni non devono essere prese in considerazione se sovrapposte a un oggetto verticale oppure a terra.

Gli oggetti che compaiono sul bordo dello schermo possono essere deformati.

In caso di luminosità troppo forte (neve, veicolo al sole...), la visione della telecamera può essere disturbata.

Quando le porte posteriori sono aperte o non sono chiuse correttamente, viene visualizzato il messaggio “Portellone aperto” e, a seconda del veicolo, lo schermo della telecamera scompare.

Differenza tra la distanza calcolata e la distanza effettiva

Retromarcia verso una forte pendenza in salita

Le linee di riferimento fisse 6 indicano le distanze più vicine di quanto lo siano effettivamente.

Gli oggetti visualizzati sullo schermo sono effettivamente più lontani sulla pendenza.

Ad esempio, se sullo schermo viene visualizzato un oggetto in corrispondenza del punto D, la distanza effettiva dell’oggetto è in corrispondenza del punto E.

Retromarcia verso una forte pendenza in discesa

Le linee di riferimento fisse 6 indicano le distanze più lontane di quanto lo siano effettivamente.

Pertanto, gli oggetti visualizzati sullo schermo sono effettivamente più vicini sulla pendenza.

Ad esempio, se sullo schermo viene visualizzato un oggetto in corrispondenza del punto G, la distanza effettiva dell’oggetto è in corrispondenza del punto F.

Retromarcia verso un oggetto sporgente

La posizione H sembra più distante rispetto alla posizione J sullo schermo. Tuttavia, la posizione H è equidistante dalla posizione K.

La traiettoria indicata dalle linee di riferimento fisse e mobili non tiene conto dell’altezza degli oggetti. Pertanto, sussiste il rischio che il veicolo possa colpire l’oggetto quando torna verso la posizione K.